Io odio chi odia il Natale

christmas Che poi c’avrei più di un motivo per odiarlo: sono figlia di divorziati, e se sei figlia di divorziati Natale significa essere sballottato da una casa all’altra insieme ai pacchi regalo. Che poi a Dicembre fa freddo. E io lo detesto: sono stata programmata per una temperatura minima di 25 gradi. Che poi chi è affetto da shopping compulsivo come me ha l’alibi perfetto per spendere tantissimi soldi, e a Gennaio è puntualmente al verde. Ma io odio chi odia il Natale. Gli economisti diranno che è una messa in scena dell’amore e dei buoni sentimenti creata per alimentare il consumismo. Tutta pubblicità celata dietro la festa cattolica. Il che non è del tutto errato, ma in fondo anche Gesù Bambino aveva usato la Stella Cometa come insegna luminosa per farsi propaganda. Gli ambientalisti che ci sarà uno spreco dell’elettricità, denunceranno l’abbattimento degli alberi e ci consiglieranno di farne solo di finti, possibilmente con materiale riciclato. I cinici “Cazzo è arrivato Natale” e non ci risparmieranno la loro insofferenza verso ogni forma di festa comandata.
I razionali che il Natale è dei bambini.
Odiare il Natale è sacrilegio. Dovrebbe essere reato.
Natale è l’unico giorno dell’anno in cui anche gli stronzi possono fingere di essere buoni.
Natale è la sola occasione che abbiamo per tornare bambini e concederci di emozionarci un po’.
Possiamo dimenticare chi ci ha fatto del male e ricominciarlo a odiare da Santo Stefano. Possiamo credere nelle buone intenzioni. Possiamo provare a fare del bene, almeno per una volta.
Ma voi ci pensate? Se diventassero davvero tutti buoni a Natale? Come immaginavamo da bambini… Sai che bellezza!
Non ci sono rimasti che la nostalgia e il Natale. Lasciateci almeno questo.

Annunci